Indizione del bicentenario della Congregazione delle Sacre Stimmate di N. S. G. C.

Stampa

09/12/2015

Casa Madre delle Stimmate MESSAGGI - Carissimi,

il prossimo 4 novembre inizia l’anno di preparazione al Bicentenario della nascita della nostra Congregazione. È per tutti noi occasione di ringraziamento a Dio, ricordando cioè riportando al cuore il momento in cui S. Gaspare e i suoi primi compagni, obbedendo alla volontà di Dio che si manifesta nei fatti, incominciarono insieme la costruzione di una nuova comunità religiosa.

I – Guardare il passato: “Benedirò il Signore in ogni tempo”

Non sarà un anno di vanagloriose rievocazioni del passato, quanto piuttosto un tempo per contemplare quello che la bontà di Dio ci ha concesso di realizzare a servizio della Chiesa. È riandare alle radici della nostra storia per cantare inni di lode e ringraziare il Padre che ci ha benedetti. È l’occasione per conoscerci parte viva di una Famiglia viva, che ha prodotto e ancora produce nel mondo frutti di carità. È il momento di ringraziare per i confratelli santi che ci hanno preceduto, per le figure di missionari apostolici che con tenacia hanno seminato la Parola in Italia, in Europa, in Brasile, tra gli emigrati degli Stati Uniti d’America; missionari che hanno rinforzato la fede dei piccoli gruppi cristiani in Cina e messo le fondamenta per robuste comunità, accettando privazioni e persecuzioni per il Suo nome; missionari che “sono andati dappertutto” (quocumque euntes) come ci esorta il Bertoni in Tailandia, Africa, Filippine, Cile, Paraguay, Georgia, India.... Alla presenza di Dio, è bello ricordare i nostri confratelli fondatori di opere di carità per i più poveri, fondatori di nuove congregazioni di religiose, sconosciuti o famosi, testimoni silenziosi o predicatori di grido, fratelli coadiutori esemplari, vescovi... confratelli che sono saliti sul Calvario della sofferenza e della malattia, per anni, con lo spirito di santo abbandono; professori ed educatori digenerazioni di giovani, animatori di Oratori, guide spirituali, letterati, compositori di musica ... Abbiamo veramente tante cose di cui ringraziare!

Leggi l'articolo completo

AddThis Social Bookmark Button