Famiglie Carismatiche in cammino sulle orme di Papa Francesco

Stampa

09/07/2016

carismaticRIFLESSIONI - Nessuno è proprietario del carisma, tutti siamo fratelli e sorelle servitori nella Chiesa.

Io faccio nuove tutte le cose” (Ap 21, 5). In queste poche righe ci sono dei suggerimenti sparsi per continuare a coinvolgerti, e sempre di più, assecondando la creatività dello Spirito, l’autentico protagonista nel cammino delle Famiglie Carismatiche nella Chiesa. I segnali sparsi presenti in queste righe, allo stesso tempo che possono servirti d’informazione, cercano soprattutto di facilitare la tua corresponsabilità creativa. Ognuno di noi dell’AMCG-Famiglie Carismatiche può essere uno stupendo mezzo di diffusione della luminosità evangelica dei nostri carismi vissuti in Famiglia Carismatica, come segno dello Spirito per i nostri tempi.

Con questa mia lettera, -scrive Papa Francesco-, oltre che alle persone consacrate, mi rivolgo ai laici che, con esse, condividono ideali, spirito, missione. Alcuni Istituti religiosi hanno un’antica tradizione al riguardo, altri un’esperienza più recente. Di fatto attorno ad ogni famiglia religiosa, come anche alle Società di vita apostolica e agli stessi Istituti secolari, è presente una famiglia più grande, la famiglia carismatica, che comprende più Istituti che si riconoscono nel medesimo carisma, e soprattutto cristiani laici che si sentono chiamati, proprio nella loro condizione laicale, a partecipare della stessa realtà carismatica. Incoraggio anche voi, laici, a vivere quest’Anno della Vita Consacrata come una grazia che può rendervi più consapevoli del dono ricevuto. Celebratelo con tutta la famiglia, per crescere e rispondere insieme alle chiamate dello Spirito nella società odierna”1.

Per i Fondatori e le Fondatrici la regola in assoluto è stata il Vangelo, ogni altra regola voleva essere soltanto espressione del Vangelo e strumento per viverlo in pienezza. Il loro ideale era Cristo, aderire a lui interamente, fino a poter dire con Paolo: «Per me il vivere è Cristo» (Fil 1,21)”2.

Io ammiro tutti gli Ordini religiosi. Appartengo ad uno di loro con la osservanza, ma a tutti nella carità. Tutti abbiamo bisogno gli uni degli altri… In questo esilio la Chiesa sta ancora in cammino e, se posso dirlo così, è plurale: una pluralità multiple e una unità plurale”3.

1 Papa Francesco, Lettera Apostolica a tutti i Consacrati, 21.11.2014, III,1

2 Papa Francesco, Lettera Apostolica a tutti i Consacrati, 21.11.2014, I,1

3 San Bernardo, Apologia a Guiglielmo di San Thierry, IV, 8: PL 182, 903-904; cf. Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica Vita Consecrata, 1996, 52

Leggi il documento completo

AddThis Social Bookmark Button