6 luglio 2016 - Avviati i lavori del 12° Capitolo Generale dei Rogazionisti

Stampa

07/07/2016

rogazionisti1VITA CONSACRATA - l cammino di preparazione del 12° Capitolo Generale dei Rogazionisti, iniziato da tre anni per la individuazione del tema particolare e l’elaborazione condivisa nella Congregazione del documento di lavoro, ha avuto nella giornata di ieri 5 luglio 2016 la sua introduzione nella Casa Rogate di Morlupo (Roma).

Nella mattinata si è dato spazio ad un tempo di riflessione partecipata sul tema “Identità carismatica e profezia evangelica – Il luogo e il compito di un Capitolo”, guidato da P. Mario Aldegani, Superiore Generale dei Giuseppini di Murialdo.

Nel primo pomeriggio ci si è recati presso la Basilica di Santa Maria Maggiore, in Roma, dove erano convenute anche le Capitolari delle Figlie del Divino Zelo, che ugualmente celebrano il loro Capitolo Generale nello stesso periodo. Insieme si è compiuto il rito giubilare del passaggio della Porta Santa, seguito dalla concelebrazione eucaristica, nella cappella Borghese, in cui si conserva l’effige di Maria SalusPopuliRomani, presieduta dal Card. Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica.

I Capitolari sono 60 e provengono dall’Italia, Brasile, Argentina, Filippine, India, U.S.A., Rwanda, Camerun e Iraq.

Oggi 6 luglio si sono avviati i lavori con gli adempimenti organizzativi, introdotti dal messaggio di auguri inviato da Papa Francesco attraverso il Segretario di Stato, nel quale fra l’altro, si ricorda “che il nostro tempo più che mai chiede buoni operai per la costruzione del Regno di Dio sulla terra e perciò il «Rogate» è sempre vivo e attuale ed ogni religioso rogazionista diviene segno efficace dello Spirito Santo che, attraverso il comando evangelico continua a chiamare e ad inviare apostoli santi per l’edificazione della Chiesa”. Da qui l’invito del Papa “ad essere la voce che rende presente ed efficace la preghiera di Gesù al Padre affinché nessuno resti privo della luce e della gioia del Vangelo”.

Dopo tale fase iniziale, nel pomeriggio il primo adempimento è stata la presentazione da parte del Superiore Generale, P. Angelo Ademir Mezzari, della relazione sullo stato del personale e sulla vita e apostolato della Congregazione, relazione che sarà completata, successivamente, da quella sulla situazione economica.

AddThis Social Bookmark Button