English Français Italiano Espanol
Usted puede comprar Cialis o comprar Cialis generico online. Sin embargo, comprar cialis genérico online en España contrae algunos riesgos
Left cap
Right cap
Content top cap
NOTIZIE
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra "Newsletter": ti invieremo periodicamente le principali notizie
captcha
scatfile.com

RMG – Don Tom Uzhunnalil: 8 mesi dopo ancora nessuna notizia

E-mail Stampa PDF

07/11/2016

tom uzhunnalilNOTIZIE  2016 - Il 4 marzo 2016 un commando di uomini armati assaltò la casa delle Missionarie della Carità di Aden, in Yemen, uccidendo 16 persone, tra cui 4 religiose. Al momento dell’attacco nella casa delle suore era presente anche il sacerdote salesiano indiano don Thomas Uzhunnalil, di cui col passare delle ore divenne chiaro il rapimento. Oggi, tuttavia, a 8 mesi di distanza, su di lui ancora non si hanno notizie certe.

Per don Uzhunnalil si mobilitarono immediatamente in tanti: in particolare un ruolo di primo piano in tutta la vicenda l’hanno avuto e l’hanno ancora il Ministro degli Esteri indiano, on. Sushma Swaraj, il Vicario Apostolico dell’Arabia Meridionale, mons. Paul Hinder, e i Salesiani dell’Ispettoria di Bangalore – responsabile della missione in Yemen – in particolare l’Ispettore, don Mathew Thonikuzhiyil, e il Segretario, don Mathew Valarkote.

Tuttavia, sulla sorte del missionario indiano, nipote dell’iniziatore della missione salesiana in Yemen, don Mathew Uzhunnalil, da quel 4 marzo non si ebbero più notizie sicure. Sulla rete, anzi, iniziarono a circolare voci di ogni tipo, soprattutto in prossimità della Pasqua, per fortuna poi rivelatasi infondate.

Più avanti, a luglio, sulla pagina Facebook di don Uzhunnalil comparvero delle immagini che sembravano ritrarlo in un cattivo stato di salute, bendato e percosso. Ma l’autenticità di quelle immagini venne subito messa in dubbio da chi più conosceva il salesiano, a cominciare dai suoi confratelli dell’Ispettoria di Bangalore, e di lì a poco quella pagina Facebook venne chiusa.

Se nelle prime settimane innumerevoli sono stati gli appelli, le veglie e le manifestazioni di vicinanza e di solidarietà – da parte di semplici cristiani, delle Missionarie della Carità e di molti altri religiosi e religiose, della Conferenza dei Vescovi dello Stato del Kerala e di tutta l’India, fino anche al Papa, che il 10 aprile, dopo la recita del Regina Coeli, rivolse un appello per la sua liberazione – la stasi della situazione ha fatto sì che l’attenzione mediatica sulla vicenda sia naturalmente scemata.

Per questo motivo oggi, a 8 mesi di distanza da quei tragici fatti e dal rapimento di don Uzhunnalil, la Congregazione Salesiana, a partire dal suo Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, invita nuovamente a tenere desta l’attenzione sulla condizione di questo missionario e a continuare a pregare per lui e la sua liberazione.

Fonte: infoans.org, 04/11/2016

AddThis Social Bookmark Button
 
Content bottom cap
Sayfa bulunamadı – Alabora