Notice: Undefined index: HTTP_ACCEPT_LANGUAGE in /var/www/clients/client0/web62/web/it/includes/head.php on line 42 Diritto alla terra: è l’ora delle scelte
English Français Italiano Espanol
Usted puede comprar Cialis o comprar Cialis generico online. Sin embargo, comprar cialis genérico online en España contrae algunos riesgos
Left cap
Right cap
Content top cap
NOTIZIE

Documenti JPIC

NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra "Newsletter": ti invieremo periodicamente le principali notizie
captcha
scatfile.com

Diritto alla terra: è l’ora delle scelte

E-mail Stampa PDF

10/07/2015

prosavannaGIUSTIZIA E PACE - Pensano a nutrire il mercato internazionale dimenticandosi di quello interno, mentre nella provincia di Nampula la gente muore di fame”: Clemente Ntauazi, coordinatore dell’ong Acção Académica para o Desenvolvimento das Comunidades Rurais (Adecru), parla con la MISNA dopo una “consultazione nazionale” a Maputo sul progetto di agro-business ProSAVANA. Che la posta in gioco sia alta lo chiariscono i numeri. ProSAVANA è il più imponente progetto di agro-business nella storia del Mozambico. Coinvolge 14,5 milioni di ettari, una superficie più estesa di paesi come Portogallo o Malawi, dove vivono circa quattro milioni e mezzo di persone. Nella foto: NO al ProSAVANA.

A credere al governo del Mozambico, l’incontro nella capitale è stata un’occasione per far conoscere l’iniziativa e ascoltare le richieste di partiti, società civile, semplici cittadini. Secondo Adecru, invece, si è trattato di un’ennesima occasione sprecata di fronte a una platea addomesticata da inviti “ad personam” e preselezioni. “Il governo – dice Ntauazi – vuole poter dire agli investitori stranieri che la legge è stata rispettata, le ‘consultazioni’ si sono tenute e che ora si può cominciare a fare sul serio”.

Che la posta in gioco sia alta lo chiariscono i numeri. ProSavana è il più imponente progetto di agro-business nella storia del Mozambico. Coinvolge 14,5 milioni di ettari, una superficie più estesa di paesi come Portogallo o Malawi, dove vivono circa quattro milioni e mezzo di persone. L’area interessata, nel nord del Mozambico, tra le province di Niassa, Nampula e Cabo Delgado, è tra le più fertili dell’Africa australe. Secondo il progetto, ora all’esame del Consiglio dei ministri, i fondi saranno garantiti dal Mozambico e dal Giappone mentre le tecnologie dal Brasile. Partner in un “piano strategico” che prevede aziende da 3000-10.000 ettari, monocolture industriali e braccianti-salariati al posto di piccoli agricoltori e duat: vecchi certificati d’uso che non valgono una proprietà.

Secondo Ntauazi, però, sbandierando l’obiettivo della lotta alla fame la propaganda ufficiale nasconde i problemi decisivi: “ProSavana allontanerà i contadini dalle loro terre, riassumendoli solo su base stagionale, mentre in Mozambico serve un modello che consenta agli agricoltori di produrre per il loro fabbisogno e in aggiunta per il mercato”. Nei nuovi latifondi si dovrebbe puntare su granturco e fagioli ma soprattutto sulla soia, una scelta che più che alla dieta nazionale si adatta ai mercati mondiali. Il risultato? “I contadini – denuncia il coordinatore di Adecru – diventano braccianti che producono per altri e poi non hanno i soldi per comprarsi da mangiare”.

Una ricetta che andrebbe nella direzione opposta alla lotta per la sicurezza alimentare in un paese dove l’80% della popolazione vive di agricoltura. E che viene sostenuta dalle autorità nonostante esperienze analoghe abbiano dato frutti velenosi. Ntauazi ricorda un progetto di Agromoz, una società controllata dalla holding portoghese Grupo Amorim e legata all’ex presidente mozambicano Armando Guebuza: “Ha occupato 3000 ettari e i contadini sono stati costretti ad andarsene altrove, alimentando conflitti per la terra con le comunità ospitanti”. In questo caso le incertezze del quadro legislativo non hanno aiutato. “In Mozambico la terra è proprietà dello Stato – sottolinea il coordinatore di Adecru – ma i contadini hanno diritto all’usufrutto se ci vivono o se la coltivano da almeno dieci anni; gliela si può togliere purché ci siano, appunto, ‘consultazioni’”.

Fonte: comboni.org, 22/06/2015

AddThis Social Bookmark Button
 
Content bottom cap